GLI EVENTI DI PROGETTOAUTISMO fvg: DANIELE MENCARELLI PRESENTA “FAME D’ARIA”

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:news

Domenica 17 settembre il primo di una grande stagione di eventi organizzata dalla Fondazione Progettoautismo fvg

Nell’occasione verrà presentato l’innovativo progetto di cohousing in cantiere per la Fondazione di Feletto Umberto

Domenica 17 settembre alle ore 17:00 l’autore romano Daniele Mencarelli presenterà il libro edito da Mondadori “Fame d’aria” presso la sede della Fondazione Progettoautismo fvg a Feletto Umberto.

Nell’occasione verrà presentato a cura della presidente Elena Bulfone e del direttore generale Enrico Baisero l’innovativo progetto di cohousing della Fondazione, all’incontro interverrà l’Assessore regionale alla salute, politiche sociali e disabilità, delegato alla Protezione civile Riccardo Riccardi. Modera l’appuntamento la giornalista Monica Bertarelli.

“Fame d’aria” è il quarto romanzo di Daniele Mencarelli, poeta e narratore, dopo “La casa degli sguardi”, “Tutto chiede salvezza” (finalista al Premio Strega, con cui vince il Premio Strega Giovani nel 2020) e “Sempre tornare”.

Il protagonista è Pietro, un uomo, un padre indignato e triste che ha a che fare con suo figlio Jacopo, autistico. La storia di un padre e di un figlio, in Molise, che durante un viaggio si vedono costretti a una breve sosta nella pensione di un piccolo paesino, Sant’Anna del Sannio, nell’attesa della riparazione della loro auto. Le giornate alla pensione scorrono nell’attesa di qualcosa: che il meccanico ripari l’auto, che il viaggio riprenda, che arrivi l’ora di mangiare, che le carte di credito di Pietro si sblocchino.

Quando finalmente arriva il giorno di ripartire, ecco il colpo di scena finale: il reale motivo della partenza di padre e figlio, l’intenzione dell’uomo di cambiare quella vita che vita non è.

La presentazione di “Fame d’aria” inaugura una serie di appuntamenti che vedranno impegnata la realtà presieduta da Elena Bulfone in quella che può definirsi una nuova stagione per la Fondazione: è infatti in partenza un nuovo cantiere volto alla costruzione di un innovativo villaggio di cohousing, unico in Italia, dove genitori e figli fragili non verranno separati, un vero villaggio del Bene.

Il villaggio sarà intitolato ad un caro amico della Fondazione, il mitico Enzo Cainero, che nel corso della sua lunga attività sportiva non ha mai dimenticato il sociale, promuovendo numerose iniziative in favore di Progettoautismo fvg.

Un nuovo progetto significa reperire nuove risorse: partono infatti tre campagne di raccolta fondi che domenica verranno illustrate dalla presidente Bulfone e dal direttore Baisero.

“Un nuovo progetto ambizioso e innovativo. Un progetto unico nel suo genere e che, con il passare del tempo, è diventato per me un sogno irrinunciabile.” dichiara Elena Bulfone, “Potrebbe sembrare arduo avviare un altro cantiere dopo il tanto lavorare di questi anni. Sarà un’avventura a 360 gradi, un progetto mai pensato, uno di quelli che mi assillano nelle notti insonni. Ringrazio sin d’ora chi deciderà ancora una volta di accompagnarci in questo cammino.”